Inquieta – di Maria Cecilia Camozzi

Inquieta
e satura di silenzi
senza musica,
di ore vuote incolori
sotto una pioggia di parole inutili,
la melanconia
indugia sulla porta stretta,
negli spazi bui tra una stella e l’altra,
lontano…
dove lo sguardo non sospira più.

Sulla collina del mio cielo,
l’acqua della solitudine scorre
tra i fiori dell’oblio,
sonno senza risveglio…
cancellando i dispersi del Kaos
che non sa consolare.

Un bardo penitente
ha ferito la Luna con un canto
mesto,
nelle sue guerre immaginarie
e all’ombra di stendardi sporchi,
il sangue ancora cola
sulla calma
e sull’armonia di un mondo senza onore.

Maria Cecilia Camozzi

Informazioni su adrianomaini

Da Bordighera (IM), Liguria
Questa voce è stata pubblicata in cultura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...