I Franchi prima di Carlo Magno

Col nome di FRANCHI dal III sec. i Romani presero a indicare una confederazione di tribù germanico-occidentali a est del medio e basso corso del Reno., da cui presero poi nome la Francia e la Franconia. La confederazione, non saldissima, era formata da tre gruppi: i Franchi Sali, i Franchi Ripuari e i Franchi hassi o hessi (catti) da cui prese nome l’Assia. Flavio Vopisco si riferì ad essi nella sua Vita di Aureliano: per quanto vi si legge Aureliano avrebbe combattuto contro i Franchi nella zona di Mogontiacum (Magonza). Nei decenni successivi le province romane furono oggette di incursione dei Franchi che arrivarono fin nella Gallia meridionale ed in Spagna, arruolandosi numerosi fra le truppe dell’usurpatore Postumio. In seguito, per quanto ricacciati da Probo, continuarono a costituire un rischio per le terre dell’Impero e, ai tempi, dell’usurpatore Carausio, si diedero ad altre scorrerie (e ad incursioni piratesche) in unione ai Sassoni lungo le coste del Mar del Nord. Nel 291 parte di essi fu trapiantata da Massimiano nel territorio dei “Nervi” e dei Treveri: un altro attacco fu portato dai Franchi congiunti agli Alamanni nel 355. I territori renani furono saccheggiati fino a quando l’imperatore Giuliano li sbaragliò presso Strasburgo. Ai Franchi Salii fu però concesso di stabilirsi come federati (358) nella Toxandria e per 50 anni rimasero in buoni rapporti con Roma sì che alcuni di loro, come Arbogaste e Bauto, raggiunsero cariche di grande prestigio. Agli inizi del 400 i Salii ed i Ripuari stavano oltre il basso Reno in una regione corrispondente all’odierno Belgio di N.O.: non molto dopo, vista la crisi dell’Impero, guidati dal re Clodione i Salii abbandonarono le loro basi e si spinsero oltre Cambrai fino a quando non furono sconfitti dal generale romano Ezio ad Helena (Hélesme) nel 428 sì da dover riconoscere la sovranità imperiale.
Poco si sa del re dei FRANCHI di nome “Meroveo”, successore di Clodione, a parte il fatto che, nell’epoca socio-politicamente disordinata della GALLIA DI FINE V SECOLO, inaugurò la dinastia dei MEROVINGI.
Dopo di lui Childerico I (457-481) combattè assieme ai Romani contro i Visigoti.
Nel contempo i Ripuari, dapprima stabilitisi sulla riva sinistra del Reno, avanzarono per conto proprio fin a quando non furono sgominati ancora da Ezio nel 428: ma dopo la morte del condottiero imperiale ripresero a muoversi verso Colonia e la Mosella, occupando Treviri.
Alla fine i Ripuari riconobbero come loro re “Clodoveo” (481-511) successore di Childerico I re dei Sali di Tournai.
Clodoveo, distrutto l’ultimo baluardo gallo-romano del regno di Siagrio sconfitto a Soissons (486/7) ed annientati i Visigoti a Vouillé, estese il suo dominio sulla Gallia a parte la Borgogna, la Settimania e la Provenza.
L’occupazione della Turingia segnò l’inizio dell’assoggettamento di terre e genti germaniche, processo militare terminato sotto i Carolingi ed in particolare sotto Carlo Magno.

Informazioni su adrianomaini

Da Bordighera (IM), Liguria
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...