Discorrendo di fotografie d’antan

So bene che la prima fotografia che qui pubblico lascia alquanto – ad usare un eufemismo! – a desiderare sotto il profilo del politicamente (o civilmente) corretto, ma, a prescindere dal fatto che nel corso della storia quello della caccia fu un diritto – certo, ormai datato – duramente conquistato dalle masse popolari, mi serve per l’esordio di un racconto di fatti curiosi, legati a immagini d’antan, dalle quali, in un modo o nell’altro, non riesco proprio a staccarmi. Per inciso, lo scatto si riferisce alla Sezione Cacciatori di Ventimiglia, ripresa a maggio 1933 in frazione Varase. Nel gruppo, c’é anche il padre del conoscente, che ieri mi ha gentilmente prestato questo ed altri cartoncini di carattere venatorio, forse per interrompere la petulanza delle mie domande, tese in tutt’altra direzione di recupero della sua memoria.

Passo ad una fotografia – di famiglia – relativa alla Nizza-Genova di ciclismo del 2 marzo 1958 – inquadratura del cavalcavia in zona Nervia di Ventimiglia -, per proseguire in queste note.
Sempre ieri, avendo incontrato Gianfranco, mi é venuto in mente di passare con lui per un semplice parere tecnico dall’amico fotografo, titolare dello storico studio della città di confine.
Con mio stupore, mi esibisce l’originale di una fotografia degli anni ’30 del secolo scorso, da me già pubblicata su questo blog, a lui prestata nel frattempo da mio padre, che vi é ritratto a margine di una cerimonia dell’epoca, svoltasi nella frazione Buggio di Pigna (IM). Si da il caso che in archivio, pur essendo stata fatta a suo tempo dal nonno, quell’atelier non ce l’avesse. Ma il vero rammarico di quel fotografo é stato quello di non poterla mettere nell’appena conclusa Mostra dell’89° Reggimento Fanteria, di cui qui io qualcosa ho pur detto. In questo caso la dimenticanza – mi dico oggi – é stata mia.
Siccome un discorso tira l’altro, di scatti d’epoca se ne é parlato a lungo a quel punto. All’amico fotografo ho già mandato, tra le altre, quelle fotografie della mia premessa: guardandole bene, mi sono accorto che anche queste erano uscite da quello studio.

Aggiungo ancora un’immagine d’epoca, scelta anche in ragione di temi da me già sfiorati, sempre per non riprodurre fotografie o cartoline già mostrate, perché di queste ieri soprattutto si é parlato. Ma, a stringere, un punto dolente é emerso quando siamo usciti dall’atelier, perché Gianfranco mi ha spiegato meglio il fatto di quante fotografie abbia “perso”, di quelle che lo ritraevano con cantanti che si erano esibiti in anni neanche troppo lontani qui in Riviera. Forse qualcuno in zona ha dei duplicati…
Ma se penso che solo l’annuncio di una mia immagine con Claudio Villa ha destato un minimo di attenzione qui sul blog, cosa si dovrebbe dire se si ritrovassero fotografie di Gianfranco in conversazione con Luigi Tenco, scattate il pomeriggio della morte di quel cantante?

Advertisements

Informazioni su adrianomaini

Da Bordighera (IM), Liguria
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...