La piana di Latte e dintorni

0latte1h

La zona di Latte, di cui nella foto qui sopra si vede un ampio scorcio panoramico, corrisponde, all’interno del territorio comunale di Ventimiglia, all’estremo lembo ligure, prospiciente il mare, verso la Francia. Non entro nella descrizione, delle varie frazioni (Latte, appunto; ma anche Mortola – Superiore ed Inferiore -, sede dei magnifici Giardini Hanbury; Grimaldi – anch’essa divisa in Superiore ed Inferiore -; altre) e delle varie borgate e case sparse che costellano l’unica piana colà esistente e le varie alture che accompagnano alle incombenti Alpi Marittime, per accennare almeno, invece, a  storie di uomini veri.

Ho avuto l’onore di conoscere uomini che hanno fatto la Resistenza e che in quella zona avevano già aiutato tanti ebrei e tanti altri perseguitati a fuggire verso l’allora ospitale, o ritenuta tale, Francia, uomini che hanno continuato, senza reclamare onori (a volte, invece, usurpati da altri) a guadagnarsi il pane con la dura fatica del lavoro manuale, in genere quella della diffusa, sino a poco tempo fa’, coltivazione dei fiori.

Va da sé che, nella storia delle frontiere, compresa la nostra, non si sono solo cimentati eroi, che hanno ritenuto semplicemente di compiere il loro dovere di uomini, ma anche contrabbandieri e veri e propri farabutti.

Più in là verso la Francia, non visibile nel soprastante scatto, il “Passo della Morte”, esattamete in Frazione Grimaldi, chiuso in alto dal sentiero preferito, più prossimo al mare, per espatri clandestini e contrabbando. I racconti, specie quelli tramandati a viva voce, ci parlano di tanti incidenti fatali, anche di persone avviatesi da sole nell’ignoto e di persone indirizzate, ma non accompagnate da delinquenti che avevano intascato comunque ancor più indegna mercede. E la tragica denominazione é rimasta e forse a marchiare più punti di passaggio di quelle colline rocciose a picco sulla sottostante stretta fascia litoranea. Altre storie di delinquenza sul traffico di clandestini extra-comunitari andarono poi molto più tardi a concretarsi, e probabilmente tuttora sporadicamente continuano, con l’utilizzo dell’Autostrada dei Fiori.

Alcuni validi scrittori di questa terra del Ponente Ligure o Riviera dei Fiori hanno raccontato in belle pagine anche quelle tragedie. Nella presente occasione, voglio accennare almeno a Nico Orengo, delle cui opere invito alla lettura. Ne “La curva del Latte” emergono alcuni personaggi di cui ho detto in premessa, riconoscibili, stante la trasfigurazione letteraria, solo a chi ha vissuto intensamente da queste parti ed altri ancora, deceduti prematuramente, così come altre situazioni, altre memorie storiche, il dopoguerra, la bellezza della natura e del paesaggio. L’incanto é tutto nelle vicende narrate con grande maestria dall’autore. Nico Orengo – mi pare giusto sottolinearlo – é stato impegnato nella vita reale, e non solo con la testimonianza resa dalle sue opere, a difendere tanti luoghi belli di questa zona, la Piana di Latte, soprattutto, dall’assalto del cemento. Credo non sempre ci sia riuscito. Io ho il rammarico, nonostante i tanti amici in comune, di non averlo mai potuto conoscere di persona. Ed é poco che ci ha lasciati. Questo scrittore ci ha narrato in altri romanzi ed in altre opere altre trame di grande respiro, che hanno anche spaziato in tutto il Ponente Ligure, in Piemonte, in Francia. Difficilmente, tuttavia, se l’ambientazione non era in toto nella zona di Latte, ne trascurava almeno un accenno. Come nel caso di un agile librettino che ci porta con commossa partecipazione dalla Provenza degli impressionisti a posti magici che non ci sono più, con l’inserimento di ritratti di attori americani, passati dalla Riviera e che giustamente sono rimasti nell’animo popolare, e di tante altre belle storie: “Gli spiccioli di Montale”.

Al centro, più o meno, dell’immagine in questione, adiacente al mare, parte occidentale della Piana di Latte, una casa vede il dialogo di esordio de “Gli spiccioli di Montale”, o, meglio vedeva, perché, anche se non sono un tecnico, credo che per fare posto all’attuale edificio si sia proceduto alla preventiva demolizione (e non alla semplice ristrutturazione) di quella che in origine era una villa del 1500. Lascio amaramente il tutto senza commenti e senza riferimenti a sfratti e mire immobiliari compiuti dalla pregressa proprietà, la cui identità svelata si presterebbe a molteplici sarcastiche considerazioni.

Avviandomi al termine, mi rendo conto che gli “appunti” mi sono un po’ scappati di mano. E’, forse, il fascino di questa zona, derivante anche da tanti uomini che l’hanno vissuta.

Mi auguro, pertanto, che ci siano nuovi innamoramenti del Ponente Ligure (anche per contribuire ad evitare nuovi scempi!) e tanti nuovi lettori di Nico Orengo e di altri scrittori liguri.

Informazioni su adrianomaini

Da Bordighera (IM), Liguria
Questa voce è stata pubblicata in lifestyle e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La piana di Latte e dintorni

  1. ombreflessuose ha detto:

    Caro Adriano, purtroppo non conosco la tua meravigliosa terra, ma attraverso i tuoi coinvolgenti
    scritti e le belle immagini provo a farmi un piccolo viaggio
    Che bel narratore che sei
    Un abbraccio serale
    Mistral

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...